Arriva iPerchè, l’app che risponderà alle nostre più svariate curiosità!

Nell’era di Internet, dei social network e degli smartphone è sempre più improbabile che per soddisfare la nostra sete di curiosità si ricorra al profumo di pagine ingiallite conservate presso polverose biblioteche. Se la risposta è a portata di mano, anzi, di click, perchè scomodarci?
Da queste nuove esigenze, quindi, nasce una nuova app firmata Apple: iPerchè, l’applicazione che spazierà in lungo e in largo per rispondere a (quasi) tutte le nostre domande e curiosità. Ad un economico costo di soli 0,79€, iPerchè è semplice da utilizzare anche grazie alla sua suddivisione in categorie. Le caretteristiche principali? Guardiamole insieme!

iPerchè ti permette di avere sempre a portata di mano una raccolta di domande e risposte con approfondimenti, immagini e curiosità catalogati per :

– Bandiere e simboli
– Cinema e Musica
– Cultura e luoghi
– Informatica
– Letteratura
– Matematica
– Motori
– Modi di dire
– Scienze
– Sport
– Storia
– Tecnologia
– Varie

Una app interessante e divertente che fornisce chiare ed esaurienti risposte alle centinaia di domande e curiosità che appassionano i ragazzi e non, il tutto al costo di un caffè. iPerchè non necessità di una connessione ad internet per leggere gli articoli.

Funzioni:

Navigazione tramite categoria.
Ricerca e selezione diretta dell’articolo scelto.
Possibilità di creare la propria raccolta di preferiti per poter leggere rapidamente le risposte più curiose ogni volta che ne avrai bisogno.
Condivisione su Facebook dell’articolo selezionato tramite il pulsante dedicato (necessità connessione internet).
Per problemi e segnalazioni: iperche.app@gmail.com
Se volete aggiungere i vostri (i)Perché fatemi le domande, al prossimo aggiornamento troverete le risposte! Scrivete a: iperche.app@gmail.com

Condividere la conoscenza è una virtù
[fonte: app store]

Per tutto il resto, invece, resta CheStrano.it!

Mi chiamo Emanuela, studio Scienze dei Beni Culturali; guardando alla voce choosy scoprirete che sono stagista presso la Corte d'Appello di Bari e babysitter, e la mia massima aspirazione nella vita è quella di diventare attrice. Per adesso mi accontento di sognare archivi e biblioteche impolverate, silenziose, fredde e piene di eco di passati sconosciuti. Sono cresciuta ingoiando libri e bevendo musica dalle musicassette. Scrivo da mai e se lo faccio è perché attraverso stadi di radicali cambiamenti. Si spera che quello di questi ultimi mesi sia definitivo almeno per un'altra decina di anni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *